«Amarcord» del pranzo di Natale con il nostro augurio di sorridere almeno un poco (e non è poco!)

Lascia un commento

Commenta come ospite.

  1. Che bel regalo mi hai fatto con il tuo scritto. Ho vissuto tutto quello che hai raccontato con la solita classe che ti contraddistingue. Non l’avevo dimenticato, ma l’ho rivissuto in questo momento. Grazie, grazie di cuore.

  2. Bellissimi ricordi
    Ricordo la mia mamma che tra gioia e qualche lacrima sarà sempre nel mio cuore

  3. Grazie grazie di cuore ho rivissuto momenti che non torneranno più ma che sono sempre rimasti nel mio cuore. Che nostalgia!!

  4. Quanti ricordi in comune, a cominciare dalle fette di salame disposte nel piatto…

  5. Cara Silvana come sempre le tue parole ci risvegliano sentimenti e ricordi che in realtà sono appena sopiti. Per me il Natale di bambina era”cittadino”ma l’atmosfera era la stessa :semplicità, buonumore, tepore casalingo, contentezza di condividere con i miei cari quello che era stato preparato per il Giorno di Festa. Rimpiango quei momenti di serenità, cosa che oggi ci manca per tanti motivi

  6. Sentori,sapori,umori ed atmosfere ritrovate nel Tuo racconto-ricordo , scaldano la vigilia del nostro Natale. Grazie per il Tuo dono ! Serenità cara Silvana per questi giorni , il mio augurio.

  7. ‘Insieme, congiuntamente a tavola, in quel giorno speciale’ sono le parole che ho apprezzato di più, perché riassumono tutti i miei Natali, dalla famiglia ‘nucleare’ di origine a quella più rumorosa e allegra coi figli, i nonni e qualche zia altrimenti sola, a quelli di oggi con figli e nipoti … quelli di qui, perché per gli altri bisognerà aspettare. Però eravamo lo stesso ‘Insieme, congiuntamente a tavola’.

  8. Grazie!Mi sono ritrovata nella magia e nel calore di ogni dettaglio, rivissuto con genuino spirito natalizio…

  9. Silvana bellissimo il tuo racconto..in molte cose visto anche eta’ e estrazione contadina dei.miei vecchi ho rivissuto momenti della prima infanzia.

Leggi Successivo

Barra Laterale Scorrevole